Skip to main content

Ue, entro il 2030 ogni prodotto tessile dovrà avere un passaporto digitale

Il nuovo regolamento europeo sulla Progettazione Ecocompatibile per i Prodotti Sostenibili (ESPR) stabilisce che ogni prodotto tessile venduto nell’Unione dovrà avere un passaporto digitale: uno strumento innovativo destinato a rivoluzionare la filiera tessile, dalla produzione allo smaltimento. Leggi l’approfondimento di Eissa, Naveriani e Panico.

In un’era di maggiore consapevolezza ambientale e controllo regolamentare, l’industria tessile è sull’orlo di una trasformazione con l’introduzione del Passaporto Digitale del Prodotto (DPP). Nell’ambito del Green Deal dell’Unione Europea e del Regolamento sulla Progettazione Ecocompatibile per i Prodotti Sostenibili (ESPR), l’UE ha stabilito che entro il 2030 ogni prodotto tessile venduto nei suoi confini dovrà avere un passaporto digitale. Tale strumento innovativo è destinato a rivoluzionare la catena di fornitura tessile, migliorando la trasparenza, la responsabilità e la sostenibilità, dalla produzione allo smaltimento.

 

Comprendere il Passaporto Digitale del Prodotto

I Passaporti Digitali del Prodotto (DPP) sono registri digitali che comprendono informazioni complete sul prodotto, dalla produzione allo smaltimento o al riciclaggio. Tali passaporti contengono dati dettagliati sull’impatto ambientale del prodotto, la composizione dei materiali, i processi di produzione e le metriche di sostenibilità. Accessibili tramite codici QR o identificatori unici del prodotto, i DPP forniscono preziose informazioni a consumatori, aziende e autorità regolatorie.

 

Maggiore trasparenza e tracciabilità

I DPP aiutano i consumatori e le aziende a fare scelte informate quando acquistano prodotti e facilitano le riparazioni e il riciclaggio. Tale trasparenza aiuta a costruire fiducia tra i marchi e i consumatori, promuovendo una cultura della responsabilità all’interno dell’industria.

Inoltre, consentono alle autorità pubbliche di eseguire meglio i controlli e le verifiche tracciando il ciclo di vita di un prodotto dal processo di progettazione fino al riciclaggio e alla gestione dei rifiuti.

 

Facilitare pratiche sostenibili

Le informazioni dettagliate contenute nel DPP incoraggiano i marchi ad adottare pratiche più sostenibili. Ad esempio, i produttori possono ottimizzare l’uso delle risorse, ridurre gli sprechi e migliorare l’efficienza energetica analizzando i dati raccolti nei passaporti. Questo non solo riduce l’impronta ambientale, ma porta anche a risparmi sui costi e a miglioramenti nell’efficienza operativa.

 

Sostenere gli obiettivi dell’economia circolare

I DPP migliorano la circolarità attraverso la tracciabilità fornendo una base comune e un insieme di requisiti per diventare circolari. Aiutano anche a monitorare digitalmente gli obiettivi regolamentari dell’economia circolare e a verificarne la conformità, consentendo decisioni consapevoli dal punto di vista ambientale lungo la catena del valore, con una gestione efficace dei rifiuti e accesso ai materiali riciclati. Questo aiuta a chiudere il ciclo nella catena di fornitura tessile, riducendo la dipendenza da materiali vergini e diminuendo i rifiuti tessili.

 

Sicurezza e contraffazione

Come qualsiasi altro tipo di passaporto, anche i DPP devono essere sicuri e a prova di contraffazione. Le affermazioni ecologiche di fiducia possono essere condivise solo da prodotti certificati autentici. In assenza di passaporti del prodotto sicuri, i contraffattori non solo copiano i disegni dei prodotti, ma applicano anche identità di prodotto rubate, aumentando la somiglianza e rendendo difficile distinguerli come contraffatti.

 

Dati sul prodotto e infrastruttura IT

Integrare i dati in un sistema di tracciabilità e renderli disponibili su una piattaforma DPP accessibile ai consumatori richiede dati standardizzati. I dati esistono in vari sistemi all’interno di un marchio e tra i partner della catena di fornitura. Devono essere facilmente condivisibili, quindi i marchi devono monitorare e adottare standard esistenti ed emergenti. L’infrastruttura IT dovrebbe essere interoperabile, il che significa che i sistemi IT devono avere la capacità di connettersi e comunicare. Questo sistema è necessario per una migliore condivisione decentralizzata dei dati.

 

Casi di studio: applicazioni nel mondo reale

Uno dei maggiori esempi di integrazione dei DPP è il Gruppo BMW, che ha incorporato i Passaporti Digitali dei Prodotti nei suoi processi di produzione per migliorare la sostenibilità e l’efficienza delle risorse. I DPP di BMW tracciano il ciclo di vita dei loro veicoli dall’estrazione delle materie prime al riciclaggio a fine vita, comprese informazioni sulla composizione dei materiali, i processi di produzione e le metriche di performance ambientale. Attraverso i DPP, BMW ha ottimizzato l’uso delle risorse, ridotto gli sprechi e diminuito l’impronta ambientale lungo la sua catena di fornitura, posizionandosi come leader nella produzione automobilistica ecologica.

L’Aura Blockchain Consortium , un’associazione senza scopo di lucro di marchi di lusso, è un altro esempio. Si propone di potenziare le aziende nel settore della moda rendendo accessibili le soluzioni blockchain e le tecnologie correlate attraverso l’assistenza nell’implementazione del DPP.

CIRCPASS, progetto finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del Programma Europa Digitale, si sta preparando per la diffusione di un Passaporto Digitale del Prodotto basato su standard. Concentrandosi inizialmente sui settori dell’elettronica, delle batterie e dei tessuti, CIRPASS ha riunito industrie europee, politici, centri di ricerca e altri stakeholder per modellare lo sviluppo futuro dei DPP.

H&M è un altro pioniere nell’adozione dei DPP. Inserendo i passaporti nella loro Conscious Collection, H&M fornisce ai clienti informazioni trasparenti sulle pratiche sostenibili utilizzate per produrre ogni articolo. Questa mossa è in linea con l’impegno del marchio a raggiungere la piena circolarità entro il 2030 e supporta i suoi obiettivi di sostenibilità più ampi.

 

Conclusione

Mentre l’industria tessile abbraccia i Passaporti Digitali dei Prodotti, la catena di fornitura è destinata a subire cambiamenti significativi. Maggiore trasparenza, pratiche sostenibili e un impegno verso i principi dell’economia circolare sono solo alcuni dei vantaggi che i DPP portano in tavola. Con i marchi leader che dimostrano già i vantaggi tangibili di questo strumento innovativo, il futuro dei tessuti sembra più verde e sostenibile che mai.

 

Riferimenti

European Commission. (2024). Ecodesign for sustainable products

European Parliament. (2022). Digital product passports: Enhancing transparency for consumers, businesses, and regulatory bodies

_____

*A cura di Sara Eissa, Mariam Naveriani e Maurizio Panico, GPD- studio legale e tributario

di Sara Eissa , Mariam Naveriani e Maurizio Panico | Sole24ore Professionale